Mountain Accelerator Lab

Fra i progetti in atto nell’Istituto “25 Aprile” uno questa settimana avrà una accelerazione.

Il progetto “Alternanza e territorio” nato per formalizzare le attività professionalizzanti svolte dagli allievi del corso Costruzioni, ambiente e territorio all’interno del quadro delle attività di alternanza scuola-lavoro, quest’anno ha coinvolto anche ragazzi del quarto anno del corso turismo con l’intento si creare una sinergia fra i due corsi rispetto soprattutto al tema dello sviluppo sostenibile delle aree montane. Un tema importante per una scuola ai piedi delle valli piemontesi del Parco del Gran Paradiso, un tema fortemente sentito anche da alcuni giovani amministratori locali, ex allievi, che hanno dato vita a un concorso rivolto alle scuole secondarie di secondo grado. Obbiettivo del concorso portare gli studenti a lavorare sulla riqualificazione di una borgata e di una strada del centro storico di Ronco ma, anche su una idea sinergica di sviluppo sostenibile della Valle Soana.

Il percorso del progetto è iniziato lo scorso anno con i rilievi delle aree, proseguito con sopralluoghi in autunno per poi dare il via alla fase progettuale. Strada facendo una occasione importante offerta dal MIUR ha permesso in dicembre a sei dei ragazzi  di prende parte al primo hackaton della montagna a Milano nell’ambito della seconda edizione di CIME, un appuntamento nazionale dedicato alla ricerca e all’innovazione per le Montagne, promosso e organizzato da UNIMONT – Centro d’eccellenza a Edolo dell’Università degli Studi di Milano in collaborazione con il Club Alpino Italiano.

Questa esperienza intensa, oltre a far portare a casa a due di loro un premio importante (un viaggio in  Nepal), ha dato nuova energia al progetto aprendo a nuovi modi di condividere le idee, di generare progetti. Proprio grazie a questa spinta è nata l’idea del Mountain Accelerator Lab, un laboratorio vivo che per un giorno e mezzo vedrà i tre team progettuali confrontarsi e lavorare intensamente per dare sostanza alle idee nate in questi mesi. Un giorno e mezzo in cui gli spazi della scuola saranno il loro luogo di lavoro e la loro casa. Al termine ogni gruppo presenterà il proprio progetto a un gruppo di amministratori locali che avranno il compito di giudicare il loro lavoro ma anche di aiutare i ragazzi con critiche e suggerimenti che permettano loro di migliorare la proposta prima della scadenza del bando ufficiale dopo l’estate.

I lavori inizieranno per i 34 ragazzi coinvolti venerdì 4 maggio alle 8:00 e termineranno sabato 5 maggio alle 12:30

Posted in News 2018.