Corsa campestre – qualificazioni finale provinciale

Ecco i risultati delle qualificazioni alla fase provinciale della corsa campestre del 12 dicembre

Allieve: 15°

4°      VasiliuMadalina

71°    Negrofrer Francesca

95°    Gologan Valeria

97°    Zama Cristina

98°    Bozzello Anna

125 partecipanti

 

Allievi: 19°

36°    Ponzetto Samuele

55°    Perono Cristian

102° Fornetti Marco

116° Riva Roveda Lorenzo

150 partecipanti

 

Juniores maschili: 10°         QUALIFICATI ALLA FINALE PROVINCIALE

19°    Ferrando Federico

21°    Crovero Simone

53°    Giachino Matteo

63°    Caletti Cristian

70°    Noascone Thomas

73°    Graziano Mattia

85 partecipanti

Modifica calendario MICROSTAGE e OPEN DAY

Visto l’anticipo delle pre iscrizioni per l’a.s. 2019-20 al mese di gennaio, la commissione orientamento ha ritenuto di anticipare la data dell’ultimo microstage a VENERDI’ 11 gennaio dalle 17:00 alle 19:00

In tale data sarà quindi possibile per i ragazzi partecipare ai laboratori attivi dei diversi corsi

SETTORE ECONOMICO (Amministrazione, finanza e marketing o Turismo)

  • laboratorio di lingue e economia aziendale

SETTORE TECNICO (Costruzioni, ambiente e territorio)

  • dal rilievo al disegno assistito al computer

PROFESSIONALE SOCIO SANITARIO

  • laboratorio di lingue e scienze umane (o metodologie operative)

I ragazzi interessati si presenteranno accompagnati dai genitori e verranno riconsegnati ai rispettivi accompagnatori alla fine dell’esperienza.

E’ obbligatoria la prenotazione, per una omogenea suddivisione dei ragazzi è necessario che le richieste siano fatte pervenire almeno 2 giorni prima contattando la commissione per l’orientamento all’indirizzo mail: orientamento25aprile@gmail.com o telefonicamente lasciando detto in centralino cognome, nome, data, indirizzi di interesse.

I genitori nella medesima fascia oraria saranno accolti da orientatori che daranno loro informazioni sui corsi offerti dall’istituto e potranno effettuare una breve visita dell’Istituto.

I componenti della commissione orientamento e lo staff di dirigenza sono disponibili per incontri su appuntamento. Contattare telefonicamente l’istituto o scrivere a orientamento25aprile@gmail.com

Scuola cardio-protetta

Dalla scorsa settimana il nostro istituto è una scuola cardioprotetta.

Il Lions club Rivarolo Canavese occidentale, infatti, ha donato un defibrillatore e, oltre alla consegna materiale del prezioso strumento salvavita, il sodalizio metterà a disposizione un corso per 5 docenti che potranno così essere abilitati all’utilizzo dell’apparecchiatura. I fondi per la donazione alla sede cuorgnatese del 25 Aprile- Faccio del defibrillatore sono stati stanziati dalla passata gestione del sodalizio, guidato dal past president Giuseppe Gariglio e l’importante “regalo” si è concretizzato sotto la presidenza dell’attuale responsabile, Ombretta Grivetto.

Il progetto è stato seguito dalla referente per le scuole del sodalizio, Carla Oberto Cima, e la collaborazione tra la secondaria di secondo grado ed il Lions prevede anche la realizzazione di altre iniziative.

È giunto al terzo anno il progetto Martina, dal nome di una bambina stroncata da un tumore che ha lasciato come testamento la volontà che si spiegasse ai ragazzi delle scuole cos’è il male del secolo, come si può evitare, l’importanza di un’alimentazione corretta e di evitare fumo e sostanze stupefacenti. Al termine della lezione, che quest’anno coinvolgerà una dozzina di classi tra terze e quarte delle sedi di Cuorgnè e Castellamonte, verrà distribuito agli alunni un questionario ed il medico relatore sarà disponibile anche per eventuali colloqui individuali con i ragazzi. Referenti salute sono le professoresse Margherita Dematteis per il plesso di Cuorgnè, e Maria Lucia Mabrito per quello di Castellamonte

“La scuola del futuro”, #FUTURACAMPOBASSO

We must be swift as

the coursing river

…Be a man…

With all the force

of a great typhoon

…Be a man…

Il viaggio verso l’appuntamento di #FUTURACAMPOBASSO si apre, per quattro giovani uomini (e donne!) del XXV Aprile/Faccio di Cuorgnè, su queste note del cartone Mulan, alle 6:45 di un freddo Mercoledì di novembre. Proprio questo sarà l’obiettivo ultimo di questa esperienza: crescere, in tre giorni in un posto sperduto che molti dicano non esista, più di quanto si possa fare a volte in anni di lezioni frontali.

La prima ora di viaggio è un lungo dialogo che va dal “Cosa possiamo aspettarci?” al “Ma saremo almeno tutti insieme?” poi le riserve vengono sciolte e tra briscole, chiacchiere e dormite si arriva a Campobasso, dopo dodici ore di viaggio ed una piccola tappa a Roma.

Il giovedì mattina tutte le delegazioni prendono parte alla presentazione ed inaugurazione del “civichack” e dell’hackathon nazionale, con un’alternanza di spettacoli musicali offerti dalle scuole del territorio e di discorsi inaugurali; l’hype viene raggiunto alla presentazione delle quattro sfide:

Le rappresentative del civichack si cimenteranno con l’innovare la filiera agroalimentare, punto di forza della regione, partendo dalle tradizioni molisane, e sull’immaginare un Molise nel 2050, con un occhio di riguardo all’inquinamento luminoso.

Le rappresentative dell’hackathon nazionale, invece, saranno assegnate all’ “Hacking for school safety”, dove dovranno riqualificare un ambiente scolastico all’insegna dell’innovazione tecnologica, della maggior sicurezza e con l’obiettivo di migliorare la qualità della didattica, oppure all’ ”Hacking safety for school through storytelling”, in cui tramite uno strumento accattivante e moderno dovranno costruire una storia per sensibilizzare i propri coetanei sul tema della sicurezza.

Appena ricevute le mission, i ragazzi vengono trasferiti in palestra, e da lì (dopo un lauto e meritato pranzo) parte la maratona progettuale vera e propria: ogni gruppo si concentra sul mettere sul tavolo tutti i possibili problemi, le soluzioni ed i progetti che passano per la mente, comprendendo man mano quanto sia accattivante e difficile la sfida alla quale sono stati chiamati, ma anche quanto sia complicato renderla realizzabile e calarla nella loro realtà quotidiana.

Le giornate di lavoro scorrono veloci come il vento; il tempo, che sembrava all’inizio ai ragazzi molto (“Ma prof, in mezzo pomeriggio noi abbiamo già fatto tutto eh, si fidi!”) viene inesorabilmente a mancare: la deadline per la consegna degli elaborati è sabato mattina alle 7:30, e viene salutata da sguardi assenti, stanchi ma fiduciosi, e da allievi alienati dopo aver lavorato tutta la notte, rinunciando persino in larga parte alla silent disco prevista per il venerdì sera. La passeggiata fino al teatro si svolge in un silenzio carico di tensione, con i vari gruppi stretti attorno a chi avrà l’onore ed onere di rappresentarli in quei tre minuti sul palco: sono annullate le appartenenze alle scuole ed alle diverse regioni geografiche, quello che conta è solo la buona riuscita del progetto.

Nella maestosa cornice del Teatro Savona vengono infine annunciate le premialità: i due team vincitori del “civichack” rappresenteranno il Molise alla prossima finale di FuturaItalia; il team vincitore della sfida numero 2 (del quale fa parte anche un’incredula ma felicissima allieva di Cuorgnè) potrà partecipare alla “Winter school” dell’architetto Mario Cucinella a Bologna ed il vincitore della sfida numero tre… udite udite… andrà a realizzare il proprio video clip negli Stati Uniti!!

E’finita la cerimonia di chiusura che si comprende il vero miracolo ed il senso di queste iniziative: tutti i ragazzi, dai vincitori a coloro che non hanno potuto presentare il progetto, hanno stampato in faccia un sorriso, una nuova luce ed una risoluzione… sono diventati un poco più grandi, per loro ora è un poco più facile…

 be a man.

 

Prof. Matteo Vaio

“Feed the valley”, “Spabiere” e “A.R.T.E.” protagonisti nella giornata conclusiva del progetto “Scuola e territorio” a Ronco

Sabato 10 novembre a Ronco si è svolto l’atto conclusivo del progetto-pilota “Scuola e territorio”, che ha visto impegnati gli studenti delle classi IVB, VA, VB e VE dell’indirizzo turistico, accanto ai neodiplomati dell’anno 2018 dell’indirizzo CAT (ex VG), nel progetto di recupero, riqualificazione e valorizzazione dell’area di Borgata Castellaro e di via XX settembre, a Ronco. Gli studenti del nostro Istituto, guidati da alcuni loro docenti, hanno raccolto la sfida, lanciata con un bando comunale agli istituti tecnici del Canavese circa un anno fa dai giovani amministratori comunali Lorenzo Giacomino ed Eric Cucciatti. L’obiettivo era ambizioso ed ha stimolato ciascuno dei partecipanti a mettere in gioco le competenze acquisite a scuola, la creatività personale, l’intraprendenza e la capacità di lavorare in gruppo. Tre sono stati i team che si sono cimentati nella competizione, per il nostro Istituto: nel corso dell’anno hanno partecipato a giornate di lavoro, a incontri di formazione ed al Mountain Accelerator Lab, un’iniziativa non stop, durata 30 ore, dedicata al progetto. L’esperienza formativa si è conclusa sabato, con la presentazione degli elaborati e la partecipazione alla tavola rotonda “Terre Alte e giovani: energia per lo sviluppo”. Il risultato del concorso ha premiato l’impegno, superando le più ottimistiche aspettative: una qualificata giuria ha assegnato il premio per il miglior lavoro integrato (turistico e cat) al team Agricoltura, con il progetto “Feed the valley”; si è aggiudicato il premio per il miglior progetto turistico il team Sport, con il progetto “Spabiere”. Menzione speciale al progetto “A.R.T.E.”, del team Cultura. (Al bando ha risposto anche l’Istituto G. Cena di Ivrea, che ha ottenuto il premio come miglior progetto CAT, con l’elaborazione grafica di un progetto relativo ad un Albergo diffuso.

Team Agricoltura: Battisti Gaia, Crovero Simone, Franciullo Veronica, Gerbalena Giulia, Marino Martina, Mihai Adriana, Vuillerminaz Eleonora, Bortolozzo Andrea, Scalise Elisa, Torcaso Federico

Team Sport: Alessio Gabriele, Chiades Aurora, Gallo Giada, Ottino Elisa, Petrocco Noemi, Semeniuc Ramona, Zanon Sara, Dalla Gasperina Matteo, Ottino Alessandro, Vercellio Matteo

Team Cultura: Campisi Simone, El Yadini Siham, Martinotti Francesca, Prete Camilla, Ursulean Alexandru, Valle Roberta

Docenti tutor: Bolatto Bruno, Di Maio Paola, Quaranta Marina, Toniolo Serena